MALTA non è solo l’isola del mare, delle spiagge, del business e del divertimento, ci sono città del 1400 ricche di storia, architettura, belle arti, 400 chiese di cui la metà sono imperdibili….e numerosi musei e siti archeologici che risalgono a 7000 anni fa.

Ben 2.2 millioni di persone hanno visitato i 64 musei e i siti archeologici di Malta e Gozo nel 2013, con un incremento del 9.9% sul 2012.

La tendenza sarà sicuramente confermata anche per il 2014, considerando che il motivo della vacanza storico culturale sta crescendo tra i milioni di visitatori dell’arcipelago

Vieni quindi a Malta con MALTAway Travel e il suo Personal Traveller, prezzi da booking ma con a disposizione il tuo Consulente di Viaggio, tutto on line o al telefono con SKYPE

Archeologia (http://www.visitmalta.com/it/archaeological-sites)

Il numero stesso dei siti archeologici presenti sulle isole rende la loro storia un caso a parte rispetto ad altre mete del mediterraneo.

Ci sono megaliti, dolmen dell’età del bronzo, tombe puniche, resti di ville romane e tracce dell’uomo preistorico difficilmente spiegabili, come ad esempio i misteriosi solchi dei carri. Per tre millenni, a partire dal 5200 a.C. circa, l’arcipelago ha ospitato una singolare civiltà che costruiva luoghi di culto.

I templi di Malta e di Gozo sono considerati i più antichi edifici autoportanti conosciuti dall’uomo. Uno, tra tutti gli altri, è molto caro a Malta: l’Hypogeum, un labirinto di stanze sotterranee usate probabilmente sia come luogo di sepoltura, sia come luogo di culto.

I templi dell’isola sono stati dichiarati dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità, e sono aperti al pubblico. Cominciate il vostro giro dal Museo Nazionale di Archeologia a La Valletta, o dall’Hypogeum stesso.

Musei (http://www.visitmalta.com/it/museums-and-galleries)

A Malta, scoprire 7000 anni di storia è più facile di quello che pensate. Le isole stesse costituiscono un grande patrimonio. Vi sono musei, all’aria aperta e non, per ogni era, dalla preistoria alla storia di Malta durante la Seconda Guerra Mondiale. Dato che i Cavalieri di San Giovanni sono stati patroni delle arti per più di 250 anni, nei musei, nei palazzi e nelle chiese delle isole troverete dei veri capolavori.

I musei delle isole possono offrire qualcosa a ognuno di voi, soddisfacendo sia piccole curiosità che interessi particolari. La magnifica architettura barocca e i tesori religiosi, oltre a raccontare le numerose guerre e battaglie, danno ai visitatori la possibilità di conoscere un po’ di più la spettacolare storia delle isole.

I brillanti colori delle Isole Maltesi e i loro panorami straordinari hanno ispirato artisti, fotografi e scultori sia locali che stranieri. Oggi, oltre al ricco patrimonio lasciato dai Cavalieri di San Giovanni, è possibile ammirare una interessante produzione di artisti contemporanei a Malta.

http://www.maltatoday.com.mt/news/national/47121/maltese_museums_welcome_over_two_million_people#.VIFxzDGG-So

maltaway_storia_musei

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: